L’importanza dell’acclimatamento in quota e l’uso improprio di farmaci

iStock_000011359879_Double-1-1024x683.jpg

Di Francesca Cortinovis

Dal 12 al 14 ottobre 2017 durante l’International Mountain Summit si riuniranno per la prima volta i massimi esperti in medicina di montagna a Bressanone per discutere, ma soprattutto per far conoscere al pubblico, professionisti alpinisti, amanti della montagna allenati o meno, l’importanza dell’acclimatamento in quota per evitare rischi sulla salute a volte anche molto seri e da non sottovalutare.

Che sia durante un trekking in Nepal, praticando alpinismo ad alta quota o sciando sulle Dolomiti, l’acclimatazione all’altitudine è la chiave per evitare malattie legate proprio all’alta … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Annunci

Salvato dopo due notti sottozero sul Cervino la stella dell’alpinismo francese “Gab”

091338251-2e78f580-6019-4e13-8863-b07206f4b69c.jpg

Gabarrou bloccato da venerdì a 3700 metri con una cliente: portati in ospedale

di CARLOTTA ROCCI

Hanno creato un muretto di fortuna tra le rocce sotto una cengia per ripararsi dal freddo. L’esperienza di Patrick Gabarrou, 66 anni, uno dei massimi esperti dell’alpinismo internazionale, ha salvato la vita allo sportivo e alla sua cliente, Ivana Tinin, 54 anni, pasticciera di Cervinia che venerdì mattina aveva affrontato con lui la salita sulla Dent d’Herens. Questa mattina all’alba sono stati messi in salvo dal soccorso alpino valdostano e dalla guardia di finanza di Cervinia. “Stanno bene. Sono stati portati ad Aosta in ospedale per accertamenti”, spiega il capo del soccorso alpino valdostano Adriano Favre.
L’uomo e la donna sono rimasti bloccati per due notti sulla montagna a quota 3700 metri senza poter tornare indietro al bivacco che avevano appena superato e senza poter raggiungere quello successivo ad appena 250 metri di dislivello. Le rocce si sono improvvisamente congelate con il … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Repubblica.it

Monviso, caduta fatale per un alpinista. Ferito non grave il figlio di 9 anni in cordata con lui

Monviso2.jpg

Tre alpinisti sono precipitati durante la discesa dal Monviso (3848 m) in Provincia di Cuneo lungo la via normale che percorre la parete sud. Uno di essi, Roberto Vai di 53 anni residente a Sant’Ambrogio di Susa (TO) è deceduto a causa dei traumi.

L’incidente è accaduto intorno alle ore 11 di questa mattina quando la cordata composta dall’uomo e dal figlio, un bambino di 9 anni, è caduta nei pressi del passaggio dei Fornelli a una quota di 3750 m circa, coinvolgendo anche una … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Il Rifugio Franchetti chiude “per burocrazia” la stagione in anticipo

21083158_313063655825087_250934662414710043_o-1024x678.jpg

“A causa di problemi tecnici sono costretto a chiudere il rifugio con grande anticipo, non era mai successo in 30 anni, scusate. Rimane aperto per il ricovero di emergenza il solo locale invernale, dove abbiamo provveduto a lasciare coperte e viveri di emergenza: fatene uso solo se necessario per favore. Se sarà possibile aprirò nei fine settimana, vi darò conferma come possibile. Un saluto, Luca Mazzoleni”.

Così scriveva il 3 settembre Luca Mazzoleni, gestore del Rifugio Franchetti, che a 2433 metri di altitudine accoglie gli alpinisti all’ombra del Corno Grande e del Corno Piccolo, sul Gran Sasso. La causa non è la … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Conosci le tecniche escursionistiche?

Snap1.png

di Fabrizio Vago

Parlare di tecniche escursionistiche per alcuni sembrerà un po’ assurdo perché il camminare è la prima cosa che si impara da piccini (anche prima della parola) e poi non si scorda più per tutta la vita. Tuttavia la civiltà moderna ha contribuito a rendere gli spostamenti sempre più facili e senza ostacoli dando vita a delle strane forme di homo sedentarius. Sopratutto nei luoghi maggiormente urbanizzati strade, marciapiedi, scale mobili, ascensori ecc.. ci fanno risparmiare tempo e fatica ma allo stesso tempo ci disabituano a camminare su terreno naturale scosceso o su superfici instabili.

Avete mai notato come i bambini che vivono in montagna camminino generalmente per boschi e sentieri in maniera più efficace e disinvolta rispetto ai … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Il Mountain Rider

Con “Alpages Ouverts” alla scoperta degli alpeggi della Valle d’Aosta

Snap7.png

AOSTA – Durante tutto il mese di agosto proseguono gli appuntamenti per conoscere da vicino i segreti dell’alpeggio: la produzione del formaggio – a partire dalla Fontina – i pascoli, la biodiversità animale e vegetale.

È giunta alla diciottesima edizione “Alpages Ouverts”, la manifestazione che vuole far scoprire i segreti dell’alpeggio attraverso il racconto diretto degli allevatori che, nei cento giorni di lavoro in montagna, si dedicano alla produzione casearia e alla manutenzione del paesaggio.

Attraverso “Alpages Ouverts” – organizzato dall’Association régionale éléveurs valdôtains in collaborazione con l’Assessorato regionale all’Agricoltura – ogni visitatore può conoscere in prima persona il … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Aostasera

Orsa KJ2 uccisa, la difficile convivenza con i grandi predatori

094619437-a221f6aa-149e-4dae-a965-29f9afc3eace.jpg

Dopo le critiche, dalle associazioni ambientaliste arriva anche l’annuncio di azioni legali nei confronti della Provincia di Trento, in seguito all’abbattimento dell’orsa KJ2 da parte degli agenti del Corpo forestale.

Il Wwf in primis. Il direttore generale Gaetano Benedetto recrimina che non c’è stata volontà di confronto per cercare una soluzione. E sul rapporto con i grandi predatori spiega: “Abbiamo sviluppato l’atteggiamento dei padroni e non degli ospiti. Non stiamo in ascolto e in tranquillità. Non accettiamo che vi sia uno spazio che … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Orobie.it

No a ONG anche sul Monte Bianco, francesi rifiutano l’accesso “umanitario”

IMG_6882.jpg

Da settimane le ONG riempiono le pagine dei nostri giornali. Salvano vite disperate africane e mediorientali nel mediterraneo, imbarcano i migranti mollati dagli scafisti ormai a ridosso delle coste africane e li traghettano nei nostri porti, ma non vorrebbero essere regolamentate secondo la legge.

Il Sindaco di Saint-Gervais (ai piedi del Monte Bianco), un furbone che di anno in anno sposta i confini della vetta più alta d’Europa a suo favore, in queste ore è sbottato: “La vetta non è … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Marmolada – Il ghiaccio in ritiro scopre reperti e immondizia

IMG_4892.jpg

Come tutti i ghiacciai alpini anche quello della Marmolada si sta ritirando, a maggior ragione in un’estate calda come questa preceduta da un inverno molto avaro di precipitazioni. Negli ultimi 100 anni il ghiacciaio della Marmolada si è all’incirca dimezzato: da 420 a 214 ettari e al suo ritiro tornano alla luce reperti della Grande Guerra (fucili, bombe, scarponi..), i baraccamenti dei … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Dove Sciare

Il sogno di scalare il primo 4000. I consigli delle Guide Alpine

800px-Gruppo-del-Monte-Rosa-Foto-Guide-alpine-Italiane-300x225.jpg

Ogni anno d’estate molti amanti della montagna accarezzano il sogno di scalare il loro primo 4000, ma da quale cominciare?

Se sì è allenati a camminare non è affatto un’impresa impossibile scalare un 4000, ma per le prime volte è sicuramente consigliabile avvalersi dell’esperienza delle Guide alpine.

Le montagne di 4000 metri nelle Alpi sono 82. Come fari all’orizzonte si fanno notare da lontano, persino dalle città di pianura, svettando su grattacieli e tetti con le loro cupole sempre bianche. Non sono tutti uguali in termini di difficoltà: alcuni presentano salite più dolci e meno esposte, altri invece comportano la capacità di superare tratti tecnici e più pericolosi. Per questo per iniziare a … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via MountainBlog | The Outdoor Lifestyle Journal

Dolomiti, quando gli impianti sono inutili

Cinque-Torri.jpg

Togliere gli impianti a passo Rolle, crearne di nuovi a Cortina d’Ampezzo. In questi giorni su diversi fronti e con opposte prospettive si gioca il futuro delle Dolomiti. La proposta dell’azienda La Sportiva è quella più coraggiosa e innovativa e riscuote crescenti consensi. Prevede che passo Rolle diventi un’area aperta alle iniziative outdoor secondo le richieste del nuovo turismo. Previsto dunque lo smantellamento degli impianti improduttivi, retaggi del passato. “In questo progetto ci mettiamo la faccia, metto in gioco la mia reputazione e quella della mia azienda”, dice Lorenzo Delladio, amministratore delegato della Sportiva, rivolgendosi agli … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via MountCity

Il gran caldo arriva a fondere la neve in cima al Monte Bianco

SunRovescio-e1437829407295.jpg

Il gran caldo di questa settimana è arrivato a fondere anche la neve sulla cima del Monte Bianco con lo zero termico che è arrivato quasi ai 5.000 metri. I meteorologi dicono che questa prima di agosto sarà la settimana più calda dell’estate.

Le temperature sono le più alte mai registrate, seconde solo a quelle del 2003 e nel 2015. A preoccupare sono le piogge scarse che vanno ad aggravare una situazione già di per sé preoccupante. Il Po è in agrande sofferenza idrica, al … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Bike charger e cuochi stellati. Così cambiano i rifugi alpini

Bike-Charger.jpg

Uno dei limiti attuali di tutti i veicoli a propulsione elettrica è la durata della batteria, la cui capacità non è infinita e, perciò, prima o poi si scarica. Chi desidera raggiungere un rifugio adottando la cosiddetta pedalata assistita è dunque meglio che si accerti se la struttura è dotata di bike charger. In tal caso mentre il pedalatore fa il pieno di polenta e camoscio e altri intingoli preparati da cuochi stellati, la bici fa il pieno di energia. I tempi cambiano. Nei rifugi del Cai un tempo ci si accontentava di un minestrone, una pastasciutta o un pomposo “piatto alpinistico” se previsto nel Tariffario ufficiale. Del vino meglio non … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via MountCity

Manca l’acqua: chiude il rifugio Gonella sul Monte Bianco

1436944373_607457921BI-1024x682.jpg

I nevai dai quali il Rifugio Gonella, 3.071 metri sul versante italiano del Monte Bianco, attingeva l’acqua si sono esauriti e così il rifugio ha deciso di chiudere anticipatamente per questa stagione. Non c’è più acqua per cucinare, lavarsi o pulire. Il caldo anomalo oltre a esaurire i nevai ha reso anche impraticabile la via normale italiana al Bianco per via dei crepacci troppo aperti sui ghiacciai del Dôme e del Miage.

La situazione, come raccontano i rifugisti Davide Gonella e Mauro Bianchi, era già parsa critica a inizio giugno. Negli ultimi dieci giorni sono andati avanti con … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Val Thorens – Una nuova telecabina per la stagione 2017 – 2018

Snap2.png

VAL THORENS. Nella prossima stagione invernale 2017 – 2018 verrà inaugurata una nuova telecabina in Val Thorens, nell’immenso comprensorio sciistico del 3Vallèes. Si tratta della telecabina Moraine che sostituirà l’omonima seggiovia, sulla destra della località, subito sotto il  …[per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Dove Sciare

Escursioni in montagna d’estate. L’abbigliamento indispensabile

Snap1.png

di Fabrizio Vago

Uno, due, tre e pronti via per la montagna…No aspetta un attimo! Sei proprio sicuro di aver fatto bene lo zaino e di esserti vestito in modo adeguato per l’escursione che ti aspetta? Non dimenticare che in estate anche se le cose da mettere addosso sono poche non vuol dire che la scelta dell’abbigliamento vada fatta a casaccio!

Optare per una scarpa piuttosto di un altra, prediligere un pantalone corto invece di uno lungo o viceversa, avere una buona giacca anti pioggia sono punti importanti che possono incidere non poco sulla piacevolezza e sulla sicurezza di … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Il Mountainrider

Valanga sul Rutor, archiviata la posizione della guida indagata per omicidio colposo

Snap10.png

AOSTA – L’incidente, che causò due vittime, risale al 20 aprile 2016. Il professionista era con un gruppo di amici, quindi senza “posizione di garanzia” nei confronti delle persone con lui. Del distacco si è occupato anche l’Ufficio valanghe della Regione.

di Christian Diémoz

Pur essendo guida alpina, non aveva assunto alcuna “posizione di garanzia” nei confronti delle persone con cui era in montagna: non erano quindi clienti, ma amici, quelli assieme ai quali stava compiendo un’uscita di scialpinismo sulla Testa del Rutor, nella Valgrisenche, quel 20 aprile 2016 finito in tragedia.
Per questo motivo, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Aosta Davide Paladino ha archiviato, su richiesta della Procura, la posizione di Nicola Viotti, 42 anni di Alagna, comune piemontese ai piedi del … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Aostasera

Grandes Jorasses: cede ancoraggio, 4 sacerdoti precipitano nel vuoto

20108392_875668189262170_6056996266672492585_n.jpg

Il Soccorso Alpino Valdostano è intervenuto questa mattina poco dopo le ore 6 per soccorrere quattro alpinisti caduti nei pressi del Bivacco Canzio, sul massiccio del Monte Bianco.

I quattro, partiti ieri mattina dal Rifugio Boccalatte Piolti alle Grandes Jorasses, hanno effettuato la salita alla cima delle Grandes Jorasses, versante Sud via Normale, ed hanno proseguito lungo la traversata da Est a Ovest, in … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

K2 una valanga spazza il campo 3

k2.jpg

di Alessandro Filippini

K2, come un anno fa, e anche questa volta fortunatamente senza fare vittime, una grande valanga ha spazzato via campo 3 della via normale, quella della prima salita italiana del 1954 lungo lo Sperone Abruzzi.
La valanga del 2016 era scesa il 26 luglio, questa è arrivata una decina di giorni prima. Un anno fa la valanga aveva significato la fine delle operazioni, perché aveva distrutto anche tutta la scorta di bombole e corde, accumulate appunto a campo 3 mentre gli sherpa quel giorno stavano lavorando ad attrezzare campo 4, fortunatamente fuori dal percorso della valanga stessa. Questa volta una parte del materiale era già stata portata fino a campo 4 ma le corde fisse già piazzate sulla via sono certamente state spazzate via e ora bisognerà attendere che gli sherpa giungano sul posto per avere una valutazione delle … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Alpinisti e Montagne

Alpinista altoatesino disperso sull’Adamello

614px511-adamello-fonte-ansa-300x250.png

Proseguono le ricerche del Soccorso alpino

Sono per ora senza esito le ricerche di Thomas Haller, l’alpinista altoatesino disperso dal 16 luglio nella zona dell’Adamello. Lo ha reso noto il Soccorso Alpino della zona.

I responsabili dell’operazione hanno lanciato un appello a un alpinista bresciano che nella notte tra … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte MountainBlogMountainBlog – The Outdoor Lifestyle Journal

Donna muore cadendo in un crepaccio sul Cevedale

monte-cevedale-sci-alpinismo-solda-ortles-alto-adige.jpg

Una coppia della Repubblica Ceca è precipitata per una trentina di metri in un crepaccio mentre stava scalando il Cevedale (3.769 mt). La donna, di 54 anni, non ce l’ha fatta ed è morta sul colpo. L’uomo ha riportato ferite lievi, è stato … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Roccaraso – Si lavora per migliorare le piste da sci

pizzalto pista inerbimento_phixr.jpg

Dopo i grandi lavori sull’impiantistica completati la scorsa estate ora a Roccaraso si lavora per migliorare le piste e per renderle più sicure e più facilmente innevabili. Nelle scorse settimane a Pizzalto a Roccaraso, nel cuore del comprensorio dello Skipass Alto Sangro, si è infatti … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Dove Sciare

Campo Imperatore – Consegnati i lavori per la nuova seggiovia Fontari

IMG_4634.jpg

Dopo mesi di battaglie e incertezze sono stati consegnati i lavori per la realizzazione della nuova seggiovia, una delle due seggiovie in quota al servizio delle piste da sci di Campo Imperatore.

L’impianto sarà realizzato da Leitner ed è già una lotta contro il tempo per non perdere la prossima stagione sciistica. «Scontiamo un ritardo lunghissimo e per certi aspetti inspiegabile, almeno per quella che è la mia conoscenza dell’amministrazione – ha spiegato il … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte Dove Sciare

Tutto facile

Tutto-facile-20046848_10211426183921875_4125441602917927600_n.jpg

di Veronica Balocco

Sfoglio La Stampa. Leggo il bollettino di guerra degli ultimi giorni e mi fermo a pensare. Non capisco: cosa non funziona in questo strano mondo che è la montagna, nel quale tutti desideriamo emozione e tutti vogliamo farcela? Dov’è che il meccanismo si inceppa?
La morte di un giovane sul Cervino, salito in direzione della vetta dopo aver concluso una gara di corsa. I 25 turisti che nei giorni scorsi hanno vagato slegati sul ghiacciaio del Gigante, al Monte Bianco. I due ragazzi recuperati dopo essere stati sorpresi dal maltempo, senza equipaggiamento, in Valtellina. I soccorsi dovuti alla coppia che ha allertato il 118 per la pigrizia di non … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: GognaBlog

Turismo e terre alte. Quali limitazioni ci attendono

La notizia, ripresa da mountcity, del monitoraggio dei flussi turistici nell’Ossola e in Lombardia mediante particolari fotocellule rinnova l’attenzione alla vigilia dell’estate per il problema del turismo di massa e del suo impatto sui territori alpini. Quali strategie sono allo studio sui passi dolomitici dove si registrano picchi fino a 550 veicoli/ora e dove il rumore dovuto soprattutto alle motociclette supera i 90 dB?. Nel documento che pubblichiamo una proposta congiunta di Mountain Wildernes e di altre associazioni … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: MountCity

Bando corso/esame per Osservatore neve e valanghe S.V.I.

È in linea il bando per la partecipazione al corso esame per il conseguimento del titolo SVI di “Osservatore neve e valanghe”.

Partecipando a questo corso alla fine del percorso formativo dopo aver superato le … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Servizio Valanghe Italiano

Andrzej Bargiel alla conquista della prima discesa del K2 in sci

Di Francesca Cortinovis

Dopo l’annuncio dello sloveno Davo Karnicar, arriva anche quello del polacco Andrzej Bargiel, che ha lanciato la sua “K2 ski challenge”, ossia la prima discesa integrale del K2 con gli sci. Impresa provata da Hans Kammerlander nel 2001, ma anche da molti altri, tra cui Michele Fait, che perse la vita nel tentativo.

A quanto pare il 2017 sembra essere l’anno delle traversate, della ripetizione delle imprese – riuscite o tentate – di Hans Kammerlander e della … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

Everest: le immagini dentro la valanga

“Cosa vuol dire finire dentro una valanga sull’Everest?” Il video, postato dalla Myrmidon Expeditions, è stato girato da Mingma David Sherpa e … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

GAMBERALE – Approvata la nuova seggiovia dal Comitato per la valutazione ambientale

Ancora polemiche per la nuova seggiovia di Gamberale. Il Comitato regionale per la Valutazione di incidenza ambientale (VIA) ha infatti dato il via libera al nuovo impianto voluto dal Comune con cui si vorrebbe rilanciare il turismo nella zona puntando anche sullo sci. Gli ambientalisti, che già da tempo contestano questa realizzazione, continuano … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Dove Sciare

Allenamento per il trekking: cosa devi sapere

di Fabrizio Vago

Sembrerà un ovvietà ma il miglior allenamento per il trekking è fare trekking! Certo, fare qualche compitino anche a casa aiuta sempre ma solo misurandoti ripetutamente su percorsi in montagna o in collina sarai in grado di migliorare, anche piuttosto velocemente, il tuo stato di forma.Rispetto alle passeggiate in pianura di tutti i giorni, nelle escursioni in montagna entrano in gioco le salite e le discese che, unite al terreno spesso accidentato ed impervio, mettono a dura prova la nostra resistenza e forza di … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Il mountainrider