Grandes Jorasses: cede ancoraggio, 4 sacerdoti precipitano nel vuoto

20108392_875668189262170_6056996266672492585_n.jpg

Il Soccorso Alpino Valdostano è intervenuto questa mattina poco dopo le ore 6 per soccorrere quattro alpinisti caduti nei pressi del Bivacco Canzio, sul massiccio del Monte Bianco.

I quattro, partiti ieri mattina dal Rifugio Boccalatte Piolti alle Grandes Jorasses, hanno effettuato la salita alla cima delle Grandes Jorasses, versante Sud via Normale, ed hanno proseguito lungo la traversata da Est a Ovest, in … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

K2 una valanga spazza il campo 3

k2.jpg

di Alessandro Filippini

K2, come un anno fa, e anche questa volta fortunatamente senza fare vittime, una grande valanga ha spazzato via campo 3 della via normale, quella della prima salita italiana del 1954 lungo lo Sperone Abruzzi.
La valanga del 2016 era scesa il 26 luglio, questa è arrivata una decina di giorni prima. Un anno fa la valanga aveva significato la fine delle operazioni, perché aveva distrutto anche tutta la scorta di bombole e corde, accumulate appunto a campo 3 mentre gli sherpa quel giorno stavano lavorando ad attrezzare campo 4, fortunatamente fuori dal percorso della valanga stessa. Questa volta una parte del materiale era già stata portata fino a campo 4 ma le corde fisse già piazzate sulla via sono certamente state spazzate via e ora bisognerà attendere che gli sherpa giungano sul posto per avere una valutazione delle … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Alpinisti e Montagne

Alpinista altoatesino disperso sull’Adamello

614px511-adamello-fonte-ansa-300x250.png

Proseguono le ricerche del Soccorso alpino

Sono per ora senza esito le ricerche di Thomas Haller, l’alpinista altoatesino disperso dal 16 luglio nella zona dell’Adamello. Lo ha reso noto il Soccorso Alpino della zona.

I responsabili dell’operazione hanno lanciato un appello a un alpinista bresciano che nella notte tra … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte MountainBlogMountainBlog – The Outdoor Lifestyle Journal

Donna muore cadendo in un crepaccio sul Cevedale

monte-cevedale-sci-alpinismo-solda-ortles-alto-adige.jpg

Una coppia della Repubblica Ceca è precipitata per una trentina di metri in un crepaccio mentre stava scalando il Cevedale (3.769 mt). La donna, di 54 anni, non ce l’ha fatta ed è morta sul colpo. L’uomo ha riportato ferite lievi, è stato … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Roccaraso – Si lavora per migliorare le piste da sci

pizzalto pista inerbimento_phixr.jpg

Dopo i grandi lavori sull’impiantistica completati la scorsa estate ora a Roccaraso si lavora per migliorare le piste e per renderle più sicure e più facilmente innevabili. Nelle scorse settimane a Pizzalto a Roccaraso, nel cuore del comprensorio dello Skipass Alto Sangro, si è infatti … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Dove Sciare

Campo Imperatore – Consegnati i lavori per la nuova seggiovia Fontari

IMG_4634.jpg

Dopo mesi di battaglie e incertezze sono stati consegnati i lavori per la realizzazione della nuova seggiovia, una delle due seggiovie in quota al servizio delle piste da sci di Campo Imperatore.

L’impianto sarà realizzato da Leitner ed è già una lotta contro il tempo per non perdere la prossima stagione sciistica. «Scontiamo un ritardo lunghissimo e per certi aspetti inspiegabile, almeno per quella che è la mia conoscenza dell’amministrazione – ha spiegato il … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte Dove Sciare

Tutto facile

Tutto-facile-20046848_10211426183921875_4125441602917927600_n.jpg

di Veronica Balocco

Sfoglio La Stampa. Leggo il bollettino di guerra degli ultimi giorni e mi fermo a pensare. Non capisco: cosa non funziona in questo strano mondo che è la montagna, nel quale tutti desideriamo emozione e tutti vogliamo farcela? Dov’è che il meccanismo si inceppa?
La morte di un giovane sul Cervino, salito in direzione della vetta dopo aver concluso una gara di corsa. I 25 turisti che nei giorni scorsi hanno vagato slegati sul ghiacciaio del Gigante, al Monte Bianco. I due ragazzi recuperati dopo essere stati sorpresi dal maltempo, senza equipaggiamento, in Valtellina. I soccorsi dovuti alla coppia che ha allertato il 118 per la pigrizia di non … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: GognaBlog

Turismo e terre alte. Quali limitazioni ci attendono

La notizia, ripresa da mountcity, del monitoraggio dei flussi turistici nell’Ossola e in Lombardia mediante particolari fotocellule rinnova l’attenzione alla vigilia dell’estate per il problema del turismo di massa e del suo impatto sui territori alpini. Quali strategie sono allo studio sui passi dolomitici dove si registrano picchi fino a 550 veicoli/ora e dove il rumore dovuto soprattutto alle motociclette supera i 90 dB?. Nel documento che pubblichiamo una proposta congiunta di Mountain Wildernes e di altre associazioni … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: MountCity

Bando corso/esame per Osservatore neve e valanghe S.V.I.

È in linea il bando per la partecipazione al corso esame per il conseguimento del titolo SVI di “Osservatore neve e valanghe”.

Partecipando a questo corso alla fine del percorso formativo dopo aver superato le … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Servizio Valanghe Italiano

Andrzej Bargiel alla conquista della prima discesa del K2 in sci

Di Francesca Cortinovis

Dopo l’annuncio dello sloveno Davo Karnicar, arriva anche quello del polacco Andrzej Bargiel, che ha lanciato la sua “K2 ski challenge”, ossia la prima discesa integrale del K2 con gli sci. Impresa provata da Hans Kammerlander nel 2001, ma anche da molti altri, tra cui Michele Fait, che perse la vita nel tentativo.

A quanto pare il 2017 sembra essere l’anno delle traversate, della ripetizione delle imprese – riuscite o tentate – di Hans Kammerlander e della … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

Everest: le immagini dentro la valanga

“Cosa vuol dire finire dentro una valanga sull’Everest?” Il video, postato dalla Myrmidon Expeditions, è stato girato da Mingma David Sherpa e … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

GAMBERALE – Approvata la nuova seggiovia dal Comitato per la valutazione ambientale

Ancora polemiche per la nuova seggiovia di Gamberale. Il Comitato regionale per la Valutazione di incidenza ambientale (VIA) ha infatti dato il via libera al nuovo impianto voluto dal Comune con cui si vorrebbe rilanciare il turismo nella zona puntando anche sullo sci. Gli ambientalisti, che già da tempo contestano questa realizzazione, continuano … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Dove Sciare

Allenamento per il trekking: cosa devi sapere

di Fabrizio Vago

Sembrerà un ovvietà ma il miglior allenamento per il trekking è fare trekking! Certo, fare qualche compitino anche a casa aiuta sempre ma solo misurandoti ripetutamente su percorsi in montagna o in collina sarai in grado di migliorare, anche piuttosto velocemente, il tuo stato di forma.Rispetto alle passeggiate in pianura di tutti i giorni, nelle escursioni in montagna entrano in gioco le salite e le discese che, unite al terreno spesso accidentato ed impervio, mettono a dura prova la nostra resistenza e forza di … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Il mountainrider

La Scuola Centrale del SVI è operativa

Sabato 10 Giugno si è insediata ufficialmente la scuola centrale del Servizio Valanghe Italiano , tante saranno le attività che su indicazione della commissione sono state messe in cantiere , tra le … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Servizio Valanghe Italiano

Altoatesino muore sul Grossglockner travolto da una valanga

Tragedia in montagna, la vittima aveva 31 anni. Illeso un amico che era con lui: è riuscito ad evitare la slavina mettendosi in salvo sotto un costone roccioso

BOLZANO. Un altoatesino di 31 anni di Castelrotto è morto dopo essere stato travolto da una valanga sulla parete nord del Grossglockner, in Carinzia (Austria).

Il giovane era in compagnia di un suo coetaneo: stavano salendo verso la vetta della montagna quando una slavina si è staccata all’improvviso travolgendo in pieno lo sfortunato alpinista. L’amico che era con lui è riuscito ad evitare la … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Alto Adige

Due alpinisti francesi scivolano sul ghiacciaio dell’Aiguille de Toula

COURMAYEUR – Due alpinisti francesi di 33 anni sono stati recuperati in elicottero dal Soccorso alpino valdostano sull’Aiguille de Toula, nel massiccio del Monte Bianco. Procedevano in cordata quando sono scivolati: i soccorritori li hanno individuati a 3.200 metri di … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

Torino, la scuola che addestra i cani a salvare la gente nei terremoti e nelle valanghe

Il presidente regionale Chiamparino in visita al centro di Volpiano:  gli animali hanno salvato i bambini finiti sotto la slavina dell’hotel Rigopiano

di MARIACHIARA GIACOSA

È a Volpiano, alle porte di Torino, la scuola nazionale delle squadre cinofile dei Vigili del Fuoco. Un matrimonio, quello che tra cani e pompieri che nasce nel 1939, prima della guerra mondiale e poi ritorna negli anni ’90, proprio a Volpiano, dove prende corpo l’idea di usare i cani come aiutanti  dei vigili durante i lavori di salvataggio. Da qui passano tutti i gruppi cinofili di tutta Italia, dove vengono addestrati e “verificato” ogni due anni. Hanno studiato qui i cani che … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Repubblica.it

Festa grande alla corte del Re delle guide

Il “suo” Monviso si è concesso con parsimonia nella nuvolaglia mentre in rifugio, a duemila metri nel parco naturale Orsiera Rocciavré, eravamo in tanti a festeggiare l’ottantesimo compleanno di Alberto Re sabato e domenica 27 e 28 maggio 2017. E’ stato un week end certamente irripetibile. Giunto “più presto del previsto” al traguardo degli ottanta, il Re delle guide ha avuto un rapporto piuttosto intenso con quel “re di pietra” che ora faceva capolino attraverso le finestre del Selleries. Sono state qualcosa come 55 le sue salite lassù in punta, l’ultima l’8 settembre dell’anno scorso. Ed è una storia, quella di Alberto Re e del Monviso, iniziata il 19 agosto 1956. Re, classe di ferro 1937, era quel giorno alla sua prima salita in cordata. Fu Nino, un suo compagno di lavoro alla Fiat, ad accompagnarlo per la prima volta in … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: MountCity

Il CAI manda in “pensione” la casa alpina del Pordoi, almeno per ora

Durante l’assemblea generale a Napoli si è deciso di smantellare la storica casa alpina del Club Alpino Italiano al Passo Pordoi.

Dopo quasi un secolo di onorato servizio ragioni economiche hanno imposto questa decisione. Molto probabilmente il CAI dovrà cedere anche il Centro di formazione: un laboratorio d’alta qualità per lo studio della montagna italiana fra i più importanti d’Italia. Rispetto alla delibera pronunciata a Napoli è intervenuto anche Francesco Carrer, presidente regionale: “Non si tratta di una vendita ma di una concessione. Il prossimo anno faremo un bando per consegnare il complesso all’investitore, pubblico o privato che sia, che per … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

PLAN DE CORONES – Nuova seggiovia a sei posti Sonne

Come ogni anno la stazione sciistica di Kronplatz – Plan de Corones è tra le più attive e nei giorni scorsi ha annunciato la realizzazione della nuova seggiovia Sonne. Si tratta di un impianto a sei posti che sarà realizzato da Leitner Ropeways e che sarà pronto per la stagione sciistica 2017/2018.
La nuova seggiovia Sonne sarà dotata di tutti i comfort e gli accorgimenti tecnologici di ultima generazione come le cupole di protezione, i sedili riscaldati, i poggiapiedi individuali e i dispositivi per la sicurezza dei bambini che … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Dove Sciare

Per la prima volta una donna alla Vicepresidenza generale del Club Alpino Italiano

Lorella Franceschini, 54 anni, iscritta alla Sezione di Bologna, è stata eletta oggi all’Assemblea nazionale dei Delegati CAI a Napoli.

28 maggio 2017 – Lorella Franceschini è la nuova Vicepresidente generale del Club Alpino Italiano, eletta oggi a Napoli all’Assemblea nazionale dei Delegati. La Franceschini, 54 anni, iscritta alla Sezione di Bologna, è la prima donna a ricoprire questa carica nella storia del Sodalizio. Prende il posto di Paolo Borciani e si affianca alla Vicepresidenza generale a Erminio Quartiani e Antonio Montani.

“Dopo 154 anni di storia finalmente anche le donne, che sono il 35% dei Soci, sono rappresentate al tavolo della presidenza”, afferma la neo eletta. “Quello con il quale auspico di collaborare è un CAI attivo e vigile che si rimbocca le … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Lo scarpone on-line – L’house organ del Club Alpino Italiano

Temporali in montagna: come comportarsi

Con l’avvicinarsi della stagione estiva il rischio di temporali in montagna aumenta progressivamente. L’escursionista, il trekker, l’alpinista, il biker sanno benissimo che il temporale è spesso accompagnato dai fulmini. Proprio i fulmini rappresentano il pericolo più grande per chi si trova all’aperto nel bel mezzo di un temporale estivo. Ma prima di parlare dei fulmini vediamo quali sono le principali tipologie di temporali e come si formano.

Innanzitutto i temporali possono essere distinti in due principali categorie:

  • Temporali da fronte freddo. Succede quando l’aria fredda del fronte, più densa e pesante si incunea sotto l’aria calda preesistente sollevandola bruscamente. Il fronte freddo in estate arriva spesso improvviso perché la nuvolosità indotta dal fronte caldo che lo precede nemmeno si nota più di tanto, se non per una sottile velatura del cielo. Il passaggio del fronte freddo può scatenare temporali anche intensi (grandine, forti rovesci di pioggia con lampi e tuoni) accompagnati da ..- [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Il mountainrider

Crollato l’Hillary Step. O no?

L’Hillary Step, la famosa barriera di roccia posta poco sotto la cima dell’Everest, sembra essere crollata, probabilmente a causa del terremoto del 2015. A darne la notizia è stato l’alpinista britannico Tim Mosedale, capo di una spedizione commerciale, che è salito in cima alla vetta più alta della terra il 16 maggio 2017. Ma ora la notizia, riportata in Italia dall’informatissimo Planetmountain, viene messa in discussione. Situato a circa 8790 metri di quota sul versante nepalese, questo gradino di roccia alto circa 12 metri è ancora lì, intatto, secondo alcuni alpinisti nepalesi. Era stato superato per … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: MountCity

Rivalorizzare la montagna senza le moto si può

Rivalorizzare la montagna con le moto? Di questo incredibilmente si discute sui social dopo che mountcity ha rilanciato l’intervento del sindaco di Bergamo sul Corriere della Sera a favore di questa ipotesi o di questo progetto che dir si voglia. Al primo cittadino ha replicato con una lettera aperta “Alta Vita”, una community che si occupa della vita nelle Terre Alte. Nel documento non vengono ritenute accettabili le affermazioni del sindaco a sostegno della creazione nella bergamasca di un circuito per moto enduro con la collaborazione del Cai quale opportunità “per potenziare il turismo in Valle”. Opportunità che, a detta del sindaco, “potrebbe contribuire alla specializzazione turistica e all’economia della Valle”. Forse a qualcuno è sfuggito che altrove nelle Alpi (Valli di Lanzo e Val Maira, per esempio) la motorizzazione selvaggia e … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: MountCity

SCI INDOOR – Ad Harbin lo skidome più grande del mondo

Nasce lo skidome più vasto del mondo in Cina, nella città di Harbin. Si tratta del Wanda Harbin Indoor Ski Center realizzato dal Wanda Group, colosso cinese che ha acquisito nei mesi scorsi la maggioranza di Infront e che darà anche il nome al nuovo stadio dell’Atletico Madrid (società di cui detiene alcune quote).

La nuova stazione sciistica indoor sarà talmente grande che è stata addirittura pubblicata una skimap; in tutto ci sono sei piste tra cui anche una nera di 380 metri. Le altre piste poi permetteranno di assecondare l’evoluzione tecnica, dai primi passi ai … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Dove Sciare

A passo di guida. Considerazioni sul mio lavoro di guida

di Fabrizio Vago

Oggi voglio parlarti di me. Voglio parlarti delle mie sfide, delle mie emozioni, delle mie paure, ma anche delle mie soddisfazioni di ogni giorno da quando ho deciso di fare della mia passione per la montagna il mio lavoro diventando guida (Accompagnatore di M.Montagna L 6/89).

Un lavoro sognato e desiderato per lungo tempo tra i tavoli e le carte dell’ufficio. E’ risaputo che le cose iniziano a cambiare veramente solo quando si passa dal “mi piacerebbe” al “voglio”. Questo passaggio avvenne alla fine del 2012. Un pensiero prima sporadico poi sempre più insistente fino alla fatidica decisione di mollare tutto per un lavoro tutto da creare e solo mio. Qualcuno saputo della decisione mi prese per pazzo, qualcuno cercò di riportarmi sulla retta via, quella della ragione, della razionalità ma il cuore era già altrove… Immaginavo e volevo una vita diversa, meno schematica, dove la mia creatività potesse esprimersi. Fu veramente dura combattere i fantasmi della paura che ogni sera venivano a trovarmi puntualmente a letto.

I fantasmi, con il senno di poi non abitavano dentro di me, ma al di fuori: nei … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Il Mountainrider

Tirolo austriaco: il pericolo di valanghe non accenna a diminuire in alta montagna

Die vergangene Zeit war wechselhaft und zu kühl für die Jahreszeit. Kein Wunder also, dass im Hochgebirge teilweise noch der Winter regiert.

Weiterhin sollte man hinsichtlich einer möglichen Lawinengefahr sensibilisiert sein: Am 09. und 10.05. erhielten wir von der Leitstelle Tirol Meldungen über Lawinenabgänge mit Personenbeteiligung. Einmal war es beim Östlichen Daunkogel in den Südlichen Stubaier Alpen, einmal beim Arzkarkopf in den Südlichen Ötztaler Alpen in … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Lawinenwarndienst Tirol

Valanga sulle Alpi francesi, tre morti vicino a Bessans

La slavina ha investito le vittime nella zona del monte Greffier, in Savoia, a pochi km dal confine italiano.

Parigi, 9 maggio 2017 – Una valanga in Savoia, sulle Alpi francesi, ha causato la morte di tre persone, due uomini e una donna. La slavina ha investito le vittime, due escursionisti e da una guida locale, che li accompagnava, nell’area del monte Greffier, vicino a Bessans, non lontano dal confine italiano. Per ore i soccorritori hanno pensato ci … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: quotidiano.net

Fuga d’alta quota e multa da 22.000 dollari per l’alpinista abusivo dell’Everest

di Francesca Cortinovis

Una multa di 22.000 dollari per aver tentato di salire abusivamente, senza permesso di scalata, l’Everest. Questa la pena fino ad ora inflitta al sudafricano Ryan Sean Davy, 43 anni, fermato qualche giorno fa.Davy aveva richiesto un semplice permesso per un trekking nella valle del Khumbu, che gli consentiva di arrivare al massimo fino al campo base del tetto del mondo. Invece l’uomo è stato beccato dopo aver raggiunto campo 2 ed aver trascorso qualche settimana su e giù da campo 1, con lo scopo presumibilmente di acclimatarsi per la … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Montagna.TV

Pompieri contro soccorso alpino

Lunedì 10 aprile 2017 nei boschi sopra Luino è accaduto che due anziani (85 e 82 anni) si perdessero nei boschi tra lago e montagna. Si tratta di marito e moglie residenti a Milano ma in villeggiatura nel comune rivierasco di Maccagno (il nome del comune è “Maccagno con Pino e Veddasca”). Amanti dei boschi e della natura, i due coniugi (di origine tedesca) erano nel tardo pomeriggio nei pressi del supermercato di Maccagno per fare spesa, assieme alla … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: GognaBlog