Temporali in montagna: come comportarsi

Con l’avvicinarsi della stagione estiva il rischio di temporali in montagna aumenta progressivamente. L’escursionista, il trekker, l’alpinista, il biker sanno benissimo che il temporale è spesso accompagnato dai fulmini. Proprio i fulmini rappresentano il pericolo più grande per chi si trova all’aperto nel bel mezzo di un temporale estivo. Ma prima di parlare dei fulmini vediamo quali sono le principali tipologie di temporali e come si formano.

Innanzitutto i temporali possono essere distinti in due principali categorie:

  • Temporali da fronte freddo. Succede quando l’aria fredda del fronte, più densa e pesante si incunea sotto l’aria calda preesistente sollevandola bruscamente. Il fronte freddo in estate arriva spesso improvviso perché la nuvolosità indotta dal fronte caldo che lo precede nemmeno si nota più di tanto, se non per una sottile velatura del cielo. Il passaggio del fronte freddo può scatenare temporali anche intensi (grandine, forti rovesci di pioggia con lampi e tuoni) accompagnati da ..- [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

Fonte: Il mountainrider

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...