Domenica tragica in montagna: 3 sciatori morti in Alta Savoia, tra cui una bambina di 11 anni

960x614_helicoptere-peloton-gendarmerie-haute-montagne-illustration.jpg

Domenica tragica in montagna con una serie di valanghe che hanno coinvolto le Alpi in Francia, Svizzera e Alto Adige causando diversi incidenti, tra cui due mortali sul versante francese.

Due distinte valanghe hanno ucciso almeno tre persone in Alta Savoia, fra cui una bambina di 11 anni, travolta insieme al padre in Val d’Isère. I due, che vivevano vicino Parigi, stavano sciando sul Combe du Géant, nel settore di Pisaillas, su una pista chiusa da … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Annunci

Cogne, intervento dell’elisoccorso per un ghiacciatore ferito

Snap4.png

AOSTA – L’uomo, un francese di 58 anni, è stato colpito da materiale caduto dall’alto.

Intervento dell’elisoccorso a Cogne per un ghiacciatore infortunatosi mentre era impegnato sulla cascata “Repentance Super”. L’uomo, un francese di 58 anni, è stato colpito da … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Aostasera

Valanga su 20 scialpinisti in Alto Adige, tutti salvi

valanga

Una valanga in Alto Adige, nella zona di Racines, ha travolto un gruppo di venti scialpinisti austriaci di Schwarz, in Tirolo. Altri dieci sono stati investiti da una slavina nel cantone Vallese, in Svizzera. In entrambi i casi tutti sono stati estratti dalla neve e risultano solo feriti non in gravi condizioni. Due storie a lieto fine dunque, paura a parte, se confrontate con gli episodi dei giorni precedenti. Erano stati infatti due i morti registrati venerdì nel Lecchese, sulla Grignetta, mentre giovedì ne erano stati contati quattro: tre scialpinisti erano stati travolti sui Pirenei e un alpinista francese in Piemonte era stato trascinato a valle da una lastra di neve che aveva ceduto. In Alto Adige la massa … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Online-News

Lawinensicherheit: So geht die Verschüttetensuche!

Lawinen sind das Schreckensszenario für Skitourengeher. Ist ein Skifahrer verschüttet, muss es schnell gehen. Nur wenn jeder weiß, was er zu tun hat, hat der Verschüttete eine Chance zu überleben.

327.png

Ein Lawinenabgang ist auch mit kompletter Ausrüstung und modernster Technik immer eine lebensgefährliche Situation. Zehn Prozent der Lawinenopfer überleben den Stillstand der Lawine nicht, sondern werden vorher durch mechanische Einwirkung tödlich verletzt.

Von daher gilt vor allen anderen Maßnahmen: Lawinen unter allen Umständen vermeiden. Das klingt selbstverständlich. Schaut man aber heute auf die Vielzahl der Skifilme, Youtube-Videos oder andere Action-orientierte Darstellungen, hat man nicht den Eindruck, dass alle die Maxime der Lawinenvermeidung verinnerlicht haben. In einer Lawine “abzusurfen” scheint mitunter … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.alpin.de

Lecco, valanga sulla Grignetta: morti due alpinisti, salvo il terzo

Il dramma venerdì alle 15.30. Le vittime sono Giovanni Giarletta, 37 anni, di Lecco, e Ezio Artusi, 46 anni, di Introbio. Un altro alpinista, che li precedeva, è riuscito a salvarsi: «Li ho chiamati, stavano salendo. Poi più nulla»

morti-U43040405740604YIF-U43440418998748BQC-1224x916@Corriere-Web-Milano-593x443

Alpinisti esperti, tecnici del soccorso alpino di Lecco. Erano impegnati nella scalata di un canalone, quando all’improvviso la valanga si è staccata. Tragedia in montagna venerdì pomeriggio sulla Grignetta (2.177 metri), montagna del gruppo delle Grigne nel territorio di Lecco. Le vittime sono Giovanni Giarletta, 37 anni, di Lecco, e Ezio Artusi, 46 anni, di Introbio. Un terzo alpinista, che li precedeva, che li precedeva, è riuscito a salvarsi: «Li ho chiamati, stavano salendo. Poi più nulla», ha raccontato. L’allarme è scattato intorno alle 15.30 di venerdì e sono subito scattate le ricerche. Attivati l’elisoccorso e le unità … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Corriere.it

Entracque, muore alpinista travolto da una slavina. Uno dei compagni rimane a vegliarlo in attesa dei soccorsi

slavina_265x122.jpg

Cuneo – Quattro scialpinisti francesi stavano facendo un tour dormendo anche in rifugi tra Francia e Italia.

Nel momento in cui scendevano dalla cima dell’Agnel, lungo un canale ripido che conduce al rifugio Dado Soria, uno degli alpinisti di 40 anni è stato travolto intorno alle 15 da una slavina a 2300 metri di quota che l’ha trascinato a valle per … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Il Secolo XIX

Valanga sul Cimone, non ci sono persone travolte

L’allarme è scattato alle 17 sopra Piancavallaro. Vigili del fuoco, soccorso alpino e sanitari del 118 al lavoro per ore, non risultano dispersi

di MILENA VANONI

immagini.quotidiano.jpg

Sestola (Modena), 15 febbraio 2018 – Sono in corso le ricerche di eventuali sepolti per una valanga che si è staccata alle 17,40 nei pressi del comprensorio del Cimone, nel comune di Sestola, sopra località Piancavallaro a circa 1.800 metri di quota. Non si sa se il distacco sia da ritenersi spontaneo o provocato da qualche fuoripista.

Immediatamente è scattata la macchina dei soccorsi, e sul posto sono arrivati i tecnici del Soccorso Alpino Emilia Romagna con unità cinofile, i carabinieri e i forestali. Per il momento le ricerche hanno dato esito negativo: non risultano persone sepolte, né dispersi segnalate. Le operazioni di ricerca sono iniziate intorno alle 17. Si trovano sul posto i tecnici del Soccorso Alpino Emilia Romagna delle … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.ilrestodelcarlino.it

Mehrere Tote bei Lawinenunfällen

Alpenweit haben sich in den vergangen Tagen mehrere schwere Lawinenunfälle ereignet.

405.jpg

Toter Eiskletterer in Südtirol

Ein zunächst als vermisst gemeldeter Eiskletterer aus Bayern ist zwei Tage nach einem Lawinenabgang in Langental von Rettungskräften tot aufgefunden worden.

Die Schneemassen hatten den Alpinisten in eine rund drei Meter tiefe Spalte gespült; sein Seilpartner, der ebenfalls verschüttet wurde, konnte sich, nur … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.alpin.de

Tirolo austriaco: accumuli eolici molto instabili su brina superficiale innevata

image001-754438.jpg

Entscheidend für die Lawinensituation sind die Neuschneefälle seit gestern, dem 11.02. Bisher fiel meist um 10cm, lokal bis 20cm Schnee, der heute am 12.02. speziell in den nördlicheren Regionen laut ZAMG-Wetterdienststelle noch um etwa 10cm zunehmen soll. Es handelt sich dabei um relativ wenig Neuschnee. Dennoch erreichen wir die sogenannte kritische Neuschneemenge, welche zu einem Gefahrenanstieg führt.

Die kritische Neuschneemenge hängt einerseits von der Beschaffenheit der Altschneeoberfläche, andererseits vom … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Lawinenwarndienst Tirol

Val Travenanzes, recuperato scialpinista coinvolto nel distacco di un lastrone

IMG-20180215-WA0001-1024x768.jpg

Alle 11 circa il 118 è stato allertato da un gruppo di scialpinisti che stava salendo il Ciadin de Fanis versante Val Travenanzes quando, in vista di Forcella Fanis, un piccolo lastrone da vento si è staccato non appena uno di loro ci è arrivato sopra con gli sci.

L’uomo ha iniziato a scivolare in superficie tra la neve finché i compagni non lo hanno più visto. L’allarme è quindi partito per una persona coinvolta da una valanga e l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Alti Pirenei: tre sciatori dati per dispersi ritrovati morti sotto a una valanga

Snap6.png

Trois skieurs portés disparus depuis mercredi soir à la station de Cauterets (Hautes-Pyrénées) ont été retrouvés morts jeudi sous une avalanche.

“C’est une avalanche, hier [mercredi, ndlr], sur une zone hors piste du domaine skiable qui est à l’origine de l’accident”, a précisé la … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.ledauphine.com

Escursioni al freddo: abbigliamento, alimentazione, idratazione

Snap5.png

da Fabrizio Vago

Per molti l’inverno è la stagione meno adatta per le escursioni. A me camminare in montagna al freddo è sempre piaciuto e non solo quando c’è la neve. L’inverno è il momento della riscossa dei sentieri di media e bassa quota finalmente liberi dalle erbe alte. Sentieri a volte bellissimi, ricchi di storia e di segni dell’uomo ma purtroppo quasi inagibili con il gran caldo. L’aria frizzante e più secca non fa sudare più di tanto e poi molto minore è il rischio di beccarsi le maledettissime zecche! Contorni delle montagne più vivi e una luce meravigliosamente bassa completano il quadretto! Ma che si tratti di ciaspolata o di una semplice escursione senza neve quali sono le misure per difendersi dal … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Il Mountainrider

Travolto e ucciso da una slavina lo sci alpinista disperso sui monti del Pinerolese

Il corpo ritrovato questa mattina. L’allarme dato ieri sera dalla moglie

100359727-50bb5506-c4b3-4544-a788-6af65c138a97.jpg

di CARLOTTA ROCCI

È stato ritrovato morto Daniele Buffa, 42 anni, lo scialpinista di Luserna San Giovanni disperso da ieri pomeriggio sulle montagne di Angrogna, nel Pinerolese. Il corpo era in località Sella Vecchia. Dai primi accertamenti sembra che lo scialpinista sia scivolato in seguito ad una piccola slavina che lo ha travolto e spinto a … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Repubblica.it

Slavina sul Passo Fedaia

La strada è stata invasa dalla neve per una decina di metri e liberata dai vigili del fuoco e dal personale di Veneto strade

image.jpg

Una slavina sul Passo Fedaia. La strada nella zona di Capanna Bill – Malga Ciapela è rimasta chiusa qualche decina di minuti nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 12 febbraio, a causa di una slavina che l’ha invasa per circa una decina di metri. Nel momento in cui la neve è caduta non … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Corriere delle Alpi

Russia, treno arriva in stazione e provoca una spettacolare e terribile “slavina”

Il treno elettrico Lastochka passando dalla stazione russa di Koptevo provoca una spettacolare, quanto inaspettata slavina.

Le telecamere di sicurezza installate nella stazione ferroviaria di Koptevo hanno immortalato una scena tanto spettacolare, quanto tendenzialmente pericolosa. Il passaggio del treno elettrico Lastochka in stazione smuove … [per continuare a leggere, fai clic sul link qui in basso]

via www.sportfair.it

Conoscenza e frequentazione corretta della montagna innevata: gli insegnanti a lezione dal CAI nel Parco Nazionale Gran Paradiso

54 docenti delle scuole elementari e medie di tutta Italia parteciperanno al corso di formazione “Una scuola coi fiocchi. Uomo e natura nella montagna invernale”, in programma a Noasca, in Valle Orco (TO), dal 15 al 18 febbraio 2018.

9  Una scuola coi fiocchi_small-d209e41c.jpg

9 febbraio 2018 – Personalizzare i progetti di educazione ambientale, apprendere quanto necessario per una corretta conduzione degli alunni sul territorio montano, anche in ambiente innevato, e acquisire la necessaria sensibilità verso i territori alpini all’interno dei parchi nazionali.

Sono queste le conoscenze e le capacità che il Club Alpino Italiano intende trasmettere agli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado con il corso di formazione “Una scuola coi fiocchi. Uomo e natura nella montagna invernale”, che si … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Lo scarpone on-line – L’house organ del Club Alpino Italiano

Valanga blocca cantiere centrale elettrica svizzera sull’Inn

image_20180209phf9108.jpg

Una valanga ha interrotto i lavori di costruzione della centrale idroelettrica sull’Inn tra le località grigionesi di Ovella e Vinadi, nella bassa Engadina.

Il cantiere rimarrà chiuso fino all’arrivo della primavera, indica in una nota odierna l’Azienda elettrica engadinese (EKW). Lo stop forzato ritarda ulteriormente la messa in servizio prevista per il 2020.

Dopo le intense nevicate e la caduta della slavina, il fiume Inn si è innalzato, allagando il sito. Nonostante il pericolo di valanghe sia rientrato e anche l’acqua sul cantiere sia stata asportata, i lavori di costruzione non possono ancora riprendere.

La caduta di neve ha infatti portato a un riempimento delle reti di sicurezza situate al di sopra della zona e la sicurezza per i lavoratori edili non può essere garantita, sostiene … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via SWI swissinfo.ch

Freeride in Abruzzo, tra diffidenza e divieti. Intervista a Giulio Verdecchia – di Stefano Ardito

Freeride-in-Abruzzo-foto-Giulio-Verdecchia-3-1024x683.jpg

La valanga di domenica 4 febbraio a Campo Felice, che ha causato la morte degli sciatori romani Massimo Urbani e Massimo Franzè e il ferimento del loro amico Amerigo Guerrazzi, ha riaperto la discussione sul fuoripista e sul freeride in Abruzzo.

La dinamica dell’incidente è stata subito chiara agli uomini del Corpo Nazionale Soccorso Alpino. Nei giorni precedenti l’alternanza di scirocco e gelate aveva trasformato i pendii dell’Anfiteatro di Campo Felice, come tanti altri sull’Appennino, in delle lastre di ghiaccio.

Sabato 3 ha nevicato, la neve è stata accumulata dal vento ma è rimasta instabile. La slavina sarebbe potuta partire da sola. Quando i tre sciatori, bravi ed esperti ma non abituati a muoversi lontano dalle piste (lo dimostra anche il fatto che … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Teglio, travolto da slavina: lo scialpinista lotta ancora

Simone Zecca, macellaio 48enne di Cosio Valtellino, recuperato sotto la neve, è in prognosi riservata

immagini.quotidiano.jpg

di SUSANNA ZAMBON

Teglio, 6 febbraio 2018 – Rimangono serie le condizioni di Simone Zecca, macellaio 48enne residente a Regoledo, frazione di Cosio Valtellino, travolto da una valanga domenica nel primo pomeriggio in Val Caronella, sopra Teglio, a 2.200 metri di quota. Lo scialpinista, che era impegnato in un’escursione insieme a un amico, è rimasto sepolto sotto la neve per diversi, interminabili minuti. È stato poi trovato e soccorso grazie alla strumentazione indispensabile che i due scialpinisti avevano con sè, e in particolare al dispositivo Artva che ne ha permesso la … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via ilgiorno.it

Valanga in Val Tartano: ferito escursionista travolto da blocco di neve

di LAURA TADDEI

L’uomo si trovava sul Monte Cadelle insieme ad altri sei escursionisti.

Snap3.png

Valmasino, 3 febbraio 2018 – E’ stato trovato e portato in ospedale a Sondrio l’escursionista rimasto travolto dalla valanga oggi, intorno alle 12. L’uomo, di cui non sono ancora note le generalità, si trovava insieme ad altri sei escursionisti sul Monte Cadelle, quando, non è ancora chiaro per quale ragione, un blocco di neve si è staccato dalla montagna e li ha travolti. La slavina, di dimensioni fortunatamente ridotte, ha coinvolto gli sportivi rimasti tutti illesi tranne uno. Per il quale, per un momento, si è temuto non venisse ritrovato sotto lo strato di neve. Quella che poteva essere una tragedia, si è verificata a 2.500 metri di quota, dove, hanno potuto operare solamente i tecnici del soccorso alpino e … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via ilgiorno.it

Incidenti sugli sci, ieri dodici missioni dell’elisoccorso valdostano

di Christian Diémoz

Snap2.png

AOSTA – Gli incidenti più gravi a Courmayeur, Gressoney e Cogne. Un 61enne milanese ricoverato in prognosi riservata per l’impatto con un ostacolo fisso. Il bimbo verrà invece trasferito a Torino. Soccorso anche un ghiacciatore francese.

Un altro weekend iniziato con il bel tempo, con affluenza elevata nei comprensori sciistici, e l’elisoccorso ha vissuto nuovamente una giornata intensa. Dodici, in tutto, le missioni che hanno visto, ieri sabato 3 febbraio, “Sierra Alfa 1” alzarsi in volo per intervenire in aiuto di sciatori e appassionati di montagna infortunati.

Gli incidenti più gravi a Courmayeur, Gressoney e Cogne. Sulle piste nel comprensorio del Monte Bianco, è stato soccorso un sessantunenne residente a Milano, che si trova ora ricoverato nel reparto di Otorinolaringoiatria del “Parini”, con prognosi riservata, per un trauma cranico: ha riferito ai sanitari di aver impattato contro un ostacolo fisso.

Nella Valle del Lys, cadendo sugli sci, un bambino di 5 anni, anch’egli milanese, si è procurato un trauma per cui, dopo la diagnostica al nosocomio regionale, è stato disposto il suo … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Aostasera

Bambino di 5 anni cade dalla seggiovia a La Thuile: soccorso in elicottero

di Christian Diémoz

AOSTA – È accaduto nella mattinata di oggi, domenica 4 febbraio. Il piccolo è finito a terra da un’altezza superiore ai 7 metri. Al momento è al Pronto soccorso dell’ospedale di Aosta, risulta vigile e cosciente ed è sottoposto a visite ed esami.

Snap1.png

Un bambino di 5 anni, residente a Milano, è caduto nella mattinata di oggi, domenica 4 febbraio, da una seggiovia del comprensorio sciistico di La Thuile. La dinamica esatta dell’accaduto è in via di valutazione, ma a quanto si apprende il piccolo è finito a terra da un’altezza di oltre … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Aostasera

Tirolo austriaco: neve polverosa alternata a nuovi accumuli eolici molto instabili in alcuni punti

image001-798018.png

Der Wind als Baumeister der Lawinen bestimmt derzeit im Wesentlichen die Lawinengefahr. Am meisten gearbeitet hat der Wind in Osttirol sowie allgemein in größeren Höhen.

Zu verfrachten gibt es derzeit den kürzlich gefallenen, häufig sehr lockeren Pulverschnee. Da die Altschneedecke durchwegs gut aufgebaut ist, braucht man sich derzeit somit v.a. nur auf kürzlich gebildeten, meist jedoch recht störanfälligen Triebschnee konzentrieren. Wer Windzeichen richtig interpretieren kann sollte diese … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Lawinenwarndienst Tirol

Valanga a Campo Felice, morti due sciatori. Salvo un terzo

B521F60B-B882-49F5-A065-849245BCBCC7-1024x768.jpg

AGGIORNAMENTO h. 12.00 04/02/18: Sono stati trovati senza vita i due sciatori dispersi da questa mattina dopo essere stati travolti da una valanga che si è staccata a Campo Felice, nella zona chiamata l’ “Anfiteatro”. Un terzo sciatore, anche lui romano come le vittime, si è invece salvato ed all’ospedale San Salvatore dell’Aquila in condizioni non gravi. E’ stato lui a lanciare l’allarme.

Secondo quanto riportato dai soccorritori, i due sciatori sarebbero stati travolti dalla massa nevosa e spinti dalla violenza della … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Montagna.TV

Sciatori cadono fuori pista: rotolano giù per metri. Slavine in rapida successione

di Paola Treppo

snap1

Situazione preoccupante in Friuli Venezia Giulia, dove si stanno verificando molte slavine sui monti, dopo le abbondanti nevicate di ieri.

MONTE ZONCOLAN – SCIATORI ROTOLANO
Allarme per una slavina questa mattina di sabato 3 febbraio, sulla pista 1 Tamai sul monte Zoncolan, nel comprensorio turistico invernale tra Ravascletto e Sutrio. Quando i soccorritori sono giunti sul posto, però, si sono accertati che non si trattava di una … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.ilgazzettino.it

Il CAI Moggio Udinese cerca un gestore per il Rifugio Gauzaria (1250 m), nel gruppo del Sernio – Grauzaria

La struttura di 2 piani e 20 posti letto, è un posto tappa per diversi percorsi in quota delle Alpi Carniche e un punto d’appoggio per molte ascensioni in zona. Il termne per la presentazione delle domande è il 31 marzo 2018.

Rifugio Gauzaria-44e199cf.jpg

2 febbraio 2018 – La sezione CAI di Moggio Udinese promuove un bando per l’affidamento in affitto della gestione del Rifugio Gauzaria (1250 m), sito in località Flop nel Comune di Moggio Udinese (UD).

Il rifugio, di tipo alpinistico, posizionato nel gruppo del Sernio – Grauzaria è raggiungibile solo a piedi in circa 1,30h dalla frazione “Nanghetz” in Vall’Aupa, nel comune di Moggio Udinese. E’ posto tappa per diversi percorsi in quota (Via Alpina, Carnia Trekking, Alta … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Lo scarpone on-line – L’house organ del Club Alpino Italiano

Slavina a Limone Piemonte travolge scialpinista francese, difficili le operazioni di recupero

Incidente intorno alle 15 di ieri in fuoripista, nel vallone che da Limonetto sale verso Rocca dell’Abisso. L’uomo era insieme a una comitiva, i compagni lo hanno estratto dalla neve e dato l’allarme. Non sarebbe in pericolo di vita

s_b5437e96f7.jpg

Uno scialpinista francese è stato travolto nel pomeriggio di ieri da una slavina in fuoripista, nel vallone che da Limonetto sale verso Rocca dell’Abisso. L’incidente si è verificato intorno alle 15 di ieri. L’uomo – che ha riportato un trauma toracico – era insieme a una comitiva. Con loro anche una guida. Immediatamente i compagni hanno soccorso lo scialpinista estraendolo dalla neve e … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Targatocn.it

Tirolo austriaco: nuovi accumuli eolici sui pendii ombreggiati e su quelli molto ripidi vicino alle creste – Ancora possibili valanghe per scivolamento di neve!

image003-794392.jpg

Gestern am 01.02. hat es in ganz Tirol zu schneien, in tiefen Lagen zu regnen begonnen. Häufig ist der Regen inzwischen in Schnee übergangen. Der Wind weht über Verfrachtungsstärke. Am meisten bemerkbar macht sich der Tauernwind in Osttirol.

Wie schon im letzten Blogeintrag erwähnt, hängt die Lawinengefahr wesentlich von der Beschaffenheit der Altschneeoberfläche ab. Dort, wo sich Triebschnee auf einer lockeren, aufbauend umgewandelten Schneeoberfläche ablagert, muss am ehesten davon ausgegangen werden, dass Schneebretter ausgelöst werden können. Dies ist derzeit v.a. in steilen Schattenhängen oberhalb der … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via Lawinenwarndienst Tirol

Francia: sciatore 49enne muore dopo essere stato travolto da una colata di neve

le-quadragenaire-etait-parti-seul-en-ski-de-randonnee-sur-le-versant-vosgien-du-ballon-d-alsace-photo-d-illustration-cc-by-p-90-1517566779.jpg

Un skieur de 49 ans est décédé ce jeudi après-midi dans les Vosges, à Saint-Maurice-sur-Moselle, relatent nos confrères de Vosges-Matin.

Le quadragénaire était parti seul en ski de randonnée, dans le secteur du Ballon d’Alsace. C’est un de ses proches qui a signalé sa disparition en fin d’après-midi, inquiet qu’il ne réponde pas au téléphone et qu’il ne se soit pas rendu au … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.ledauphine.com

Freddo e neve nel Marocco meridionale: clamorose nevicate sino in collina, imbiancata Zagora

Freddo e maltempo sin sul Marocco meridionale. Arriva la neve anche in collina dopo tanti anni! Imbiancata Zagora.

neve-marocco-zagora-2.jpg
Marocco/ La perturbazione nord atlantica che nei giorni scorsi ha lambito la nostra penisola, apportando qualche nota di maltempo esclusivamente sul nord-ovest, si è diretta dapprima sul Mediterraneo occidentale e successivamente sull’Africa occidentale, tra Marocco e le isole Canarie mantenendo gran parte delle sue caratteristiche “artiche” alle alte quote. Proprio il movimento verso ovest di questa perturbazione ha innescato il rinforzo dell’alta pressione su tutta … [per continuare a leggere, fai clic sull’immagine o sul link qui in basso]

via www.inmeteo.net